PORTALE ECOLOGICO DI TERNI E PROVINCIA

Legacciola project TerniPer il SERR 2014: Ecologicpoint insieme a Slow Food propongono, a Narni e Terni, "Legacciola project"!

Sabato 22 è partita l'iniziativa contro gli sprechi alimentari "Legacciola", la sperimentazione che durerà sino al 30 di novembre, al termine comunicheremo i dati: le quantità di cibo "salvato" dalla pattumiera e il numero dei clienti che avranno aderito, richiedendo di portarsi a casa gli avanzi nel contenitore compostabile da noi fornito.
Sono già moltissimi i ristoranti contattati, e con nostro immenso piacere, abbiamo ottenuto da subito, l'adesione di tutti, con grande entusiasmo e collaborazione.
Questa nella foto è la legacciola, simbolo a memoria dei tempi passati, della nostra azione, che verrà fornita ai ristoranti aderenti di Terni, realizzata da "La Bottega del Cucito", sartoria con sede in piazza della Pace, 19 a Terni, progetto con l'obbiettivo di formare e rendere autonome persone che, a causa di diverse problematiche, hanno difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro, a cura della cooperativa sociale "il Sagittario".
Legacciola Terni - SERR2014Il progetto “LEGACCIOLA” prende il nome dal tradizionale fazzoletto legato, usato nel nostro territorio per contenere il pranzo frugale che una volta ci si portava nei campi.
Si tratta di un oggetto della memoria, che ci è sembrato significativo per avviare una campagna di sensibilizzazione di tutta la popolazione sui temi dello spreco alimentare, sui quali le nostre associazioni e gli assessorati competenti hanno trovato una significativa collaborazione.
I cibi si consumano, i cibi avanzano e diventano un rifiuto.
Questa è la catena che, soprattutto in tempi di austerità, va spezzata. Per rispetto a noi e all'ambiente.
Il progetto ha già visto l'adesione del Comune di Narni, il primo ad aver creduto nella bontà dell'iniziativa, ed ora viene proposto a Terni, condiviso e supportato dall'associazione Ecologicpoint.
Ci rivolgiamo ai cittadini e ai ristoratori ai quali sarà proposto l’uso di contenitori biodegradabili per consentire ai propri clienti di portar via le eventuali eccedenze di cibo (e anche di vino – con appositi tappi ermetici) non consumate durante il pasto al ristorante.
Meno imbarazzo, meno spreco, meno rifiuti. Chi aderisce a Legacciola project deve esserne orgoglioso, superando l'imbarazzo culturale tutto italiano a chiedere di portar via i propri avanzi quando si va a mangiar fuori.
Il ristoratore, dal canto suo, avrà meno rifiuti da gettare nei cassonetti e risparmierà tempo e denaro. Ogni ristorante aderente al progetto sarà dotato della vetrofania da esporre all'ingresso.

Il progetto è stato inserito tra le azioni che parteciperanno al SERR 2014 (Settimana Europea Riduzione Rifiuti), che si terrà in tutta Europa dal 22 al 30 novembre e avrà come focus lo lotta allo spreco alimentare, sia dal punto di vista ambientale che etico.

La campagna di comunicazione “La Legacciola” a Terni sarà finanziata grazie all'associazione Ecologicpoint, vincitrice del bando "Sviluppo e promozione territoriale del Volontariato" promosso dal CeSVol per il supporto di eventi, iniziative e progetti che si svolgeranno tra il 1 novembre 2014 ed il 28 febbraio 2015.

Sono intervenuti:
> Emilio Giacchetti – Assessore all’Ambiente
> Daniela Tedeschi – Assessore al Commercio
> Carla Chiuppi – Fiduciaria Slow Food Terre dell’Umbria Meridionale
> Monica Petronio – Segretaria regionale Slow Food Umbria
> Serenella Bartolomei – Presidente ass.ne di volontariato ambientale Ecologicpoint


Conferenza Stampa 11.11.2014 al Cesvol di Terni

"Legacciola project" Terni per combattere gli sprechi alimentari

Si chiama “Legacciola project”, per ricordare quel fazzoletto legato che conteneva il pranzo frugale che un tempo i contadini si portavano nei campi.
E’ un’iniziativa contro gli sprechi alimentari che sarà finanziata grazie all'associazione Ecologicpoint, che ha vinto il bando "Sviluppo e promozione territoriale del Volontariato" promosso dal CeSVol della provincia di Terni.
“Pur a fronte della continua riduzione delle risorse a disposizione - dice il presidente del Cesvol, Lorenzo Gianfelice - siamo felicissimi di essere riusciti, anche quest’anno, a finanziare oltre 25 progetti che hanno coinvolto più di sessanta associazioni del territorio. Progetti in grado di qualificare l’azione del volontariato e, tramite questa, a far crescere l’intera comunità”.
“La Legacciola è un oggetto della memoria - dicono Monica Petronio, segretaria regionale Slow Food Umbria e Serenella Bartolomei, presidente dell’associazione di volontariato ambientale Ecologicpoint - che ci è sembrato significativo per avviare una campagna di sensibilizzazione di tutta la popolazione sui temi dello spreco alimentare, sui quali le nostre associazioni e gli assessorati competenti hanno trovato una significativa collaborazione. I cibi si consumano, avanzano e diventano un rifiuto. Questa è la catena che va spezzata, per rispetto a noi e all'ambiente”.
Il progetto ha già visto l'adesione del Comune di Narni, il primo ad aver creduto nella bontà dell'iniziativa, ed ora viene proposto a Terni, condiviso e supportato dall'associazione Ecologicpoint.
“Ci rivolgiamo ai cittadini e ai ristoratori - spiegano i promotori - ai quali sarà proposto l’uso di contenitori biodegradabili per consentire ai propri clienti di portar via le eventuali eccedenze di cibo e addirittura di vino, con appositi tappi ermetici, non consumate durante il pasto al ristorante.
Meno imbarazzo, meno spreco, meno rifiuti. Chi aderisce a Legacciola project deve esserne orgoglioso, superando l'imbarazzo culturale tutto italiano a chiedere di portar via i propri avanzi quando si va a mangiare fuori”.
Il ristoratore avrà meno rifiuti da gettare nei cassonetti e risparmierà tempo e denaro. Il progetto è stato inserito tra le azioni che parteciperanno al SERR 2014 (Settimana Europea Riduzione Rifiuti), che si terrà in tutta Europa dal 22 al 30 novembre e avrà come focus la lotta allo spreco alimentare dal punto di vista ambientale ed etico.
“Iniziative come questa vanno sostenute - ha sottolineato Emilio Giacchetti, assessore all’Ambiente del comune di Terni - non ho avuto dubbi a concedere il patrocinio. E’ un progetto che si allinea con alcune iniziative che stiamo mettendo in campo, a partire da una concezione diversa di come vivere il centro”.
Per Daniela Tedeschi, assessore al Commercio del comune di Terni “Il progetto è molto interessante e può stimolare comportamenti virtuosi ed etici. E’ il momento giusto per tornare a comportamenti che i nostri stessi genitori avevano. Chiedere gli avanzi è una forma di rispetto per l’ambiente. E’ qui che inizia il vero lavoro: dobbiamo attivare una capillare attività di informazione e sensibilizzazione nei confronti dei cittadini e delle attività di ristorazione”.
Per informazioni: info@ecologicpoint.com.

fonte: ufficio stampa Cesvol


"L’Assessorato all’Ambiente del Comune di Terni aderisce alla "Legacciola project" nella convinzione di favorire una buona pratica volta a rafforzare la dignità culturale delle tematiche legate al cibo ed alla alimentazione, una cultura alimentare dei cittadini e, in particolare, delle giovani generazioni, con l'obiettivo del raggiungimento della piena coscienza del diritto al piacere ed al gusto. Questa iniziativa promuove altresì un’altra buona pratica tesa ad una diversa qualità della vita, fatta di rispetto per il cibo, per l'ambiente e per la salute dei consumatori che, in un periodo di crisi come questo, debbono abbattere gli sprechi e vivere in un clima di sobrietà che comunque valorizzi la qualità dei prodotti. Iniziative come questa sollecitano l’attenzione dell’opinione pubblica verso le tematiche ambientali ed in particolare verso la salvaguardia delle biodiversità e del rispetto dell’ambiente."
Emilio Giacchetti

Adesivo esposto dagli esercizi aderenti.

Segnalibro inserito nei menù dei ristoranti.

Contattaci